News

Manifestazione antifascista a Macerata

Dopo tanta confusione e tanto straniamento che ha lasciato anche noi sbandati e persi, combattuti tra un doveroso senso istituzionale e una volontà di tenere comunque fede ai valori che ci legano, finalmente questa storia ha trovato una conclusione giusta.

ARCI Ancona esprime la propria soddisfazione per la dichiarazione di sostegno ai circoli da parte dell'Associazione e per la partecipazione alla manifestazione di Macerata nelle persone della Presidente Nazionale e del Presidente di ARCI Marche con delegazione, come auspicato dal nostro Direttivo per tutta questa difficile settimana, oltre che per il fatto che il segnale della base sia stato colto dai nostri vertici, e abbia contribuito di fatto alla realizzazione della manifestazione. Ringraziamo quanti si sono adoperati in queste ore frenetiche, per ottenere il risultato da noi sperato.

Pubblichiamo con grande sollievo il comunicato pubblicato dall'ARCI Nazionale dopo l'incontro avuto in prefettura oggi pomeriggio, e che consente all'ARCI di mantenere il suo ruolo di baluardo nella società civile.

L’associazione parteciperà a tutte le iniziative antifasciste e antirazziste che si terranno in varie parti d’Italia

L’Arci domani sarà in tutte le piazze in cui si manifesterà per l’antifascismo e l’antirazzismo, in solidarietà alle vittime dell’attentato di Macerata. Ogni luogo in cui si pratica l’antifascismo è un luogo giusto e necessario. L’Arci continuerà a insistere per un maggiore impegno nel contrasto all’insorgere dei nuovi fascismi e allo sdoganamento di cui hanno troppo spesso giovato: occorre che a farlo siamo in tante, tanti e uniti.
La Presidenza Nazionale dell'Arci ribadisce quanto già espresso: sabato il Governo garantisca la piena agibilità della manifestazione prevista a Macerata.
Questo è il compito delle istituzioni.
Siamo e rimaniamo convinti che mettere sullo stesso piano manifestazioni antifasciste e fasciste è clamorosamente ingiusto e inquina ulteriormente il dibattito pubblico di questo paese.
La Presidente Nazionale dell’Arci e il Presidente Arci Marche saranno sabato a Macerata, assieme a una delegazione, per stare accanto ai circoli che hanno deciso di esserci.
Un fronte coeso, unitario, non violento è la migliore risposta al riemergere di questa sottocultura fascista che dovrebbe essere consegnata definitivamente ai libri di storia.
Anche per questo saremo presenti alla manifestazione nazionale indetta dall’ANPI il 24 febbraio a Roma. In allegato, l'elenco di iniziative di mobilitazione e di raccolta firme per l’appello “Mai più fascismi” che si terranno in varie città: iniziative_antifasciste2.doc

 

Accetto il Regolamento sulla Privacy